Il libro- documento di Ivo e Valentina Bianchi

Manuale di terapia vegetale, di Ivo e Valentina Bianchi

Sono padre e figlia, Ivo e Valentina Bianchi. Professione: lui, medico, omeopata ed esperto in medicina integrativa. Lei, naturopata che lavora nel campo dietologico e della medicina naturale. Il credo: le medicine complementari. L’ultima fatica: il “Manuale di terapia vegetale”. Volume scritto a quattro mani ed edito da Mos Maiorum Edizioni. 501 pagine di consigli e indicazioni sui benefici di piante ed erbe.

E qui bisogna prestare attenzione. Si, perché l’argomento è delicato: guai a chiamarle medicine alternative. Qui di alternativo alla medicina tradizionale non c’è niente. E se provate a parlare con un medico serio vi dirà che si chiamano complementari. Perché è l’argomento ad essere serio. Anzi, serissimo. Parliamo della nostra salute e del nostro benessere. E non tutte le problematiche sono curabili con rimedi naturali. Però, anche per malattie gravi, l’integrazione tra farmaci tradizionali e, appunto, complementari, può aiutare a stare meglio.

<<In realtà – spiegano Ivo e Valentina Bianchi – una gran parte dei farmaci oggi in uso sono di derivazione vegetale e non dovrebbe quindi stupire il fatto di parlare con convinzione del loro ruolo chiave, anche se complementare, nella terapia di patologie anche molto complesse>>. Il fatto è che però oggi la consuetudine <<è quella di parlare – proseguono i due autori – della molecola chimica, non tanto della pianta da cui questa è ricavata. L’enfasi posta sulla molecola e non sul fitofarmaco, ha molteplici ragioni, a volte pretestuose ed è indubbio che somministrare la singola molecola porta il terapeuta ad avvertire un senso di maggior sicurezza>>.

Sicuramente, se prescritti da un medico e assunti in dosi corrette, possono essere di notevole beneficio. Proprio perché non presentano effetti collaterali rilevanti ed eventuali interazioni con i medicinali sono perfettamente conosciute dal medico.

Nel “Manuale di terapia vegetale”, Ivo e Valentina Bianchi hanno raccolto una mole enorme di sapere. Del loro sapere. Descrizioni dettagliate di un numero impressionante di piante, delle loro funzioni, del loro uso. Quando prendi in mano il libro, se non sei particolarmente interessato, pensi che non lo aprirai mai. Ma se lo fai, scopri un mondo. Scopri che molte di questi vegetali già li assumi, ad esempio, senza neppure sapere a cosa servono. Pensando magari che si, a sensazione, dovrebbe far bene, ma senza sapere esattamente a cosa. E allora impari che il basilico, pianta che mangiamo spesso, è utile nella digestione. Oppure che la cannella è utile per controllare l’equilibrio glicemico. O che l’origano può contrastare infezioni batteriche intestinali. E ancora, lo zenzero: utilizzato per il trattamento di disturbi digestivi, per la flatulenza e la nausea. Ultimo esempio, per dare l’idea di quanto sia completa quest’enciclopedia, l’alloro, pianta originaria dell’Asia Minore che utilizziamo per insaporire carne o pesce, può essere un ottimo antisettico.

Tutto raccolto nel manuale. Con schede tecniche specifiche. Chiare e immediate.

A corredo dell’opera, cenni storici di grande spessore sull’argomento, che fanno si che l’interesse si allarghi ad un pubblico più vasto, non necessariamente di tipo sanitario.

 

 

 

 

 

 

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here