Cosa siamo noi oggi se non l’insieme di tutti i nostri ricordi? Allora quando si perde la memoria vorremmo poter ascoltare chi ci ha accompagnati lungo tutto questo viaggio leggere il diario del nostro amore.

Sembra lo spot pubblicitario della pellicola americana conosciuta con il nome di The Notebook, ma questa volta Hollywood diventa realtà. Nel 2004 il regista Nick Cassavetes aveva, infatti, raccontato la relazione tra l’aitante e ribelle Ryan Gosling e Rachel McAdams, ragazza di buona famiglia e dal destino già tracciato. Un amore impossibile, ma che come  in tutte le migliori storie made in Hollywood vince su tutto: i due si sposano, prolificano e vivono felici e contenti.

James Garner e Gena Rowlands in The Notebook
James Garner e Gena Rowlands in The Notebook

Il narratore di questo film (tratto dall’omonimo romanzo di Nicholas Sparks), così come nel caso di Jack e Phyllis, è l’anziano partner che rilegge il diario alla donna che ancora ama e che non si ricorda niente, nemmeno chi sia lui. Il flashback prende corpo dalle parole scritte sulle pagine della vita dei due innamorati. Questa lettura caparbia ed appassionata riesce persino, nel film, a far ritornare alla realtà l’amata che per quella manciata di minuti guarda negli occhi chi ha di fronte con quell’emozione che gli anni non avrebbero affievolito se non fosse intervenuta la malattia.

Jack Potter ha conosciuto la sua Phyllis 70 anni fa ad un ballo durante la Seconda Guerra Mondiale. Jack 90enne pieno di energie e di amore non si è arreso di fronte alla demenza senile che piano a piano sta allontanando l’amore della sua vita. Ha deciso, quindi, di mantenere vivo in lei il ricordo di tutti questi anni trascorsi insieme, della famiglia che hanno costruito, rileggendole con tenerezza il diario che lui ha scritto nel corso della loro matrimonio.

Me li immagino come nella fotografia tratta dal film, sulla panchina della casa di cura di Rochester (New York), uno accanto all’altro: con serenità e affetto rivivono, abbracciati, ogni singolo momento felice che li ha visti protagonisti, immergendosi nelle pagine e nelle fotografie della loro vita.