Arriva in Italia il lifting delle star di Holliwood. Il suo nome è Ultherapy, e va veramente oltre ogni aspettativa.

 

Si tratta dell’unico protocollo per lifting non chirurgico approvato dalla Fda, il severo organo di controllo americano. In una sola seduta, Ultherapy riattiva la produzione di collagene grazie agli ultrasuoni. “Agisce in profondità nella pelle, dove prima poteva arrivare solo il bisturi. Si sono sottoposti già mezzo milione di pazienti nel mondo”.

I primi a provare immediato beneficio di questo nuovo trattamento sono i vip internazionali come Jennifer Aniston, Kim Kardashian e Courtney Cox.

Anche gli italiani sono impazziti e corrono a provare il trattamento di medicina estetica che stimola la produzione di collagene. Senza bisturi, senza aghi, senza tempi di recupero post seduta, che dura solo un’ora, senza dolore.

Non più un trattamento invasivo o debilitante per un lungo periodo per riacquistare il tuo contorno viso, per non avere il doppiomento o iper ridare tono ai muscoli del viso, dove la lassità cutanea ci può rendere non contenti del nostro aspetto.

Qualcosa di naturale, che come suggerisce il dott. Massimo Renzi di Genova, chirurgo plastico e titolare di City Med:

“I tessuti per essere risollevati e rassodati non necessitano solo di essere trattati in superficie, bisogna raggiungere tre diverse profondità” . Aggiunge anche il dott. Carlo Boriello, di Lucca, che esercita anche lui al City Med di Genova: “Il nostro è un lavoro di precisione. Seguiamo un protocollo disegnando con una matita i tratti del viso, del collo e del décolleté delle pazienti e diamo tre diversi impulsi. Uno più profondo che arriva allo strato muscolare superficiale che prima poteva essere trattato solo incidendo con un lifting chirurgico, e poi con una sonda più leggera, in modo incrociato, per avere il massimo risultato. All’inizio si nota un leggero turgore e le pazienti sentono un indolenzimento delle parti trattate, poi i risultati a tre, a sei mesi, li vediamo sulle pazienti che, entusiaste, portano amiche e conoscenti. Il viso ritrova i suoi contorni, la pelle più tesa, i muscoli al loro posto originario. Lo strato sotto pelle ricevendo questo impulso è come se fosse andato in “palestra per tutto l’anno”, come se si potessero allenare i muscoli del viso ed ottenere il risultato di una fantastica performance, in un tempo breve.

Il mio pensiero va immediatamente al corpo. A quanti muscoli potenzialmente noi tutti vorremmo fossero tonici e la pelle levigata. Se la medicina estetica fa questi passi da gigante, non è detto che a breve troveremo un Ultherapy-corpo.

Può essere usato anche sul sopracciglio che viene risollevato e rimodellato. Questo macchinario, con questa tecnica rivoluzionaria, è stato presentato da Merz Aesthetics, l’azienda tedesca che da 107 anni sceglie soluzioni all’avanguardia per il benessere delle persone,  al XVII Congresso Internazionale di Medicina Estetica Agorà-Amiest, che si è tenuto lo scorso ottobre a Milano e che ha visto la partecipazione di oltre 2.500 medici provenienti da tutto il Mondo. Un appuntamento importante per i professionisti della medicina estetica, un’opportunità per fare il punto sullo stato dell’arte della medicina estetica, sulle novità, come appunto i lifting no chirurgico,  e sulla necessità di formazione e confronto con l’expertise di colleghi provenienti dagli altri Paesi.

“Ci saranno nel 2016 – dichiara il dott. Massirone, presidente della Società di Medicina Estetica Agorà-Amiest, nonché presidente del Congresso – corsi di aggiornamento e formazione professionale importanti nella nostra sede a Milano in via Valpetrosa 3/5. A noi interessa il benessere della persona, il sentirsi bene senza stravolgere. La cura della persona come prevenzione. La ricerca scientifica è determinante e l’innovazione attraverso macchinari che non abbiano effetti collaterali e ci aiutino mi trova d’accordo”.

Come funziona?

Ultherapy sfrutta il calore indotto dagli ultrasuoni su cute, sottocute e muscolo per andare a stimolare le fibre di collagene, quelle proteine che sostengono i tessuti e costituiscono la struttura portante della pelle. Gli ultrasuoni micro-focalizzati ad alta intensità sono in grado di raggiungere e trattenere in maniera non invasiva diverse profondità, dal derma agli strati profondi dove la lassità ha origine. Come accade con una lente d’ingrandimento, che concentra la luce solare in un punto esatto, gli ultrasuoni micro focalizzati riscaldano il tessuto in profondità solo nel punto focale, senza interessare la superficie cutanea e i tessuti intermedi.

Il riscaldamento dei punti causa una contrazione del collagene esistente a cui segue la produzione di nuove fibre collagene. Questo si traduce nel rimodellamento, risollevamento e rassodamento dei tessuti con risultati che durano a lungo.