L’Accademia della Crusca interviene anche contro i termini tecnici inglesi.

In Italia vi è la tendenza ad importare termini inglesi. L’Accademia della Crusca chiude un occhio di fronte a quegli anglicismi che non trovano un sinonimo nella lingua dantesca (computer, festival…), ma non comprende la diffusione di altri che sostituiscono parole italiane utilizzate da sempre. Questo fenomeno viene, così, commentato dal Presidente Claudio Marazzini:

scarso amore per la nostra lingua che rivela la scarsa attenzione ai temi dell’identità nazionale.

L’ultimo intervento dell’Istituto nazionale per la salvaguardia e lo studio della lingua italiana si è concentrato sui termini più tecnici che stanno spopolando di questi tempi come “bail out” o “smart working“, parole che sarebbero, secondo l’Accademia, persino più comprensibili nella nostra lingua madre rispetto all’inglese. Anche il Governo era stato criticato per l’uso di spending review o di Jobs Act. Uno scenario, quello italiano, ben diverso da quello dei i nostri cugini francesi e spagnoli che difendono con orgoglio le proprie lingue tanto da tradurre gli inglesismi più comuni come ordinateur ordenador e persino ratón (mouse). Questi, sul posto di lavoro, non comprenderebbero il collega “manda in print“, non accetterebbero mai un invito per un “lunch” e non saprebbero come rispondere a “che ne pensi del mio outfit?”.

Va ricordato che con il termine bilinguismo si intende la capacità di sapersi esprimere in due lingue, non quella di sintetizzarle in una nuova parlata (spesso un po’ snob). Per non parlare poi di quando un termine inglese viene italianizzato, come performanteo persino coniugato, della serie brandizzarebriffare, per cui nemmeno una risciacquatura in Arno (total-body) del parlante può servire.

Una lista di alcuni termini che possiamo tornare a dire in italiano:

  1. abstract = riassunto
  2. business card = biglietto da visita
  3. channel = canale
  4. cheap = poco costoso
  5. city-car = utilitaria
  6. coach = allenatore
  7. coffe-break = pausa caffè
  8. competitor = concorrente
  9. deadline = scadenza
  10. default = bancarotta
  11. engagement = coinvolgimento
  12. fashion = moda
  13. fitness = attività fisica
  14. flyer = volantino
  15. full time = a tempo pieno
  16. guest = ospite
  17. job placement = collocamento
  18. know-how = conoscenza
  19. live = dal vivo
  20. location = sito, luogo, sede
  21. magazine = rivista
  22. meeting = incontro, riunione
  23. mission = scopo, obiettivo
  24. new entry = nuovo arrivato
  25. news = notizie
  26. outlet = spaccio
  27. party = festa, ricevimento
  28. penalty = punizione, multa
  29. planning del meeting = ordine del giorno
  30. review = revisione
  31. selfie = autoscatto
  32. situation = situazione
  33. skill = abilità, competenza
  34. soft = blando, morbido
  35. sold out = esaurito
  36. speech = discorso
  37. ticket = biglietto
  38. trend = tendenza
  39. up to date = attuale
  40. work in progress = lavoro in corso