close
All’origine dell’arcobaleno

All’origine dell’arcobaleno

Le origini della bandiera arcobaleno

Tutti conosciamo il significato della fantasia arcobaleno, ma chi sa come è nata?

La bandiera arcobaleno (freedom flag) è il simbolo più noto ed utilizzato del movimento di liberazione omosessuale, tanto che prima ha invaso le pagine di Facebook e ora sta spopolando sul palco della kermesse sanremese in questi giorni di fermento politico con il ddl Cirinnà al vaglio.

La bandiera originale è opera di Gilbert Baker, sventolò per la prima volta a San Francisco nella marcia dell’orgoglio gay del 1978 ed è ora in esposizione al MOMA di New York. Gli anni ’70, quindi, sancirono il legame tra questa e il Gay Pride.

La bandiera consisteva in otto strisce colorare ognuna con un particolare significato:

rosa – sessualità
rosso – vita
arancione – salute
giallo – luce del sole
verde – natura
turchese – magia
blu – serenità
viola – spirito

Bandiera arcobaleno Casto - San Francisco
Bandiera arcobaleno Casto – San Francisco

Dopo l’assassinio del consigliere comunale Harvey Milk (da cui il film con Sean Penn) nel 1978, la richiesta del vessillo arcobaleno aumentò notevolmente. Per soddisfare la domanda, la Paramount Flag Company iniziò a mettere in commercio una versione in stoffa a sette strisce. Il rosa venne, infatti, abbandonato perché difficile da reperire (già nella versione di Baker); successivamente, nel 1979, venne eliminata la striscia turchese (appesa verticalmente sui lampioni di Market Street questa striscia centrale veniva, infatti, oscurata).

La bandiera arcobaleno, che ha celebrato i suoi primi 25 anni nel 2003, si distingue da quella della pace, altrettanto comune, per l’assenza della scritta  e per l’opposta distribuzione dei colori. La somiglianza delle due è dovuta al fatto che entrambe ricordano, appunto, l’arcobaleno, simbolo di armonia e pace come anche viene descritto nel racconto del Diluvio Universale nella Bibbia.

Valeria Gelosa

Valeria Gelosa

Blogger, videomaker and editing
San Valentino

Idee last minute per San Valentino

La Crusca e gli anglicismi

Accademia della Crusca: dillo in italiano