close
Un volo a Lisbona è la risposta

Un volo a Lisbona è la risposta

Lisbona

2016 anno bisesto e funesto, però il calendario delle festività in questa primavera strizza l’occhio ai lavoratori. Perché non approfittarne?

Trolley alla mano, si parte dal posto di lavoro e, chissà, vi si ritorna direttamente un paio di mattine più tardi.
Indecisi su quale meta scegliere viste le troppe esigenze?
Raggiungibile in poco, non troppo cara, che unisca cultura e natura, dove poter godere del bel tempo e immergersi nel folklore locale, ivi inclusi specialità culinarie e Bacco.

Avete mai pensato a Lisbona?

Lisbona - Torre del Bélem
Lisbona – Torre del Bélem
Lisbona
Lisbona

La capitale del Portogallo è ben collegata con i principali aeroporti italiani ed è a poche ore di volo dallo stivale. L’architettura storica, un passato glorioso, il folklore del fado e l’arte della cucina e del Bacalao.

È oggi la capitale di una nazione che sta affrontando un periodo storico difficile, un po’ come tutti noi PIGS. La saudade di questo popolo, però, rieccheggia ancora più nostalgica. La crisi ha lasciato e lascia ancora il segno, tangibile per le vie della città. Quelle stradine in cui però i turisti si perdono,  affascinati, alla ricerca di piccoli ristoranti autoctoni. Là dove il concetto di ospitalità si sposa con quello di genuinità e abbondanza.

Lisbona - Zona Expo
Lisbona – Zona Expo
Lisbona - Ponte 25 de Abril
Lisbona – Ponte 25 de Abril
Lisbona - Monastero dos Jerónimos
Lisbona – Monastero dos Jerónimos

Se avete la possibilità di fermarvi per più di un paio di giorni, consiglio di visitare anche i dintorni di Lisbona. Due mete imprescindibili sono Sintra e Cascais. La prima è la località di villeggiatura più pittoresca del Portogallo: palazzi principeschi e castelli colorati la rendono patrimonio dell’Unesco. La seconda, invece, ammalia i turisti per il suo fascino marinaro: antico borgo di pescatori, è oggi una stazione balneare e residenza estiva per i portoghesi.

Spostandosi ancora un po’ più a ovest, si può raggiungere il punto estremo del continente: Cabo do Roca. Da raggiungere dopo aver visitato Sintra, magari all’ora del tramonto. Qui il vostro sguardo si perderà nell’orizzonte, quello stesso verso il quale gli esploratori impostavano la loro rotta. Oggi, pur sapendo cosa si trova al di là di questo oceano, una strana sensazione ci fa  ancora pensare di essere alla fine del mondo conosciuto.

DSC_8343(2)

Cabo do Roca
Cabo do Roca
Cabo do Roca
Cabo do Roca

 

 

 

 

 

 

Foto di Valeria Gelosa – Be-yonder.it

Valeria Gelosa

Valeria Gelosa

Blogger, videomaker and editing
Empatia

Empatia, l’arma bianca di oggi

Il farmacista “Oltre la cura”: la rivoluzione parte da Cosmofarma