close
Flow Yoga: tra dinamismo e armonia

Flow Yoga: tra dinamismo e armonia

Lo Yoga, originariamente inteso come mezzo di realizzazione e salvezza spirituale, si è molto diffuso, in epoca contemporanea, nel mondo occidentale.

Esso è stato codificato e portato a sistema da Patanjali, il più grande scienziato del mondo interiore mai esistito, nella sua opera classica lo “Yoga Sutra” (si pensa sia stata scritta nel II o III secolo a.C.), composto da 196 aforismi e diviso in quattro capitoli che affrontano la fusione nel principio universale (Samadhi), la pratica (Sadhana), le azioni (Vibhuti) e la liberazione spirituale (Kaivalya).

Vorrei però soffermarmi sull’analisi di una disciplina dalle enormi potenzialità, il Flow Yoga, o Yoga Dinamico, un tipo di yoga che sincronizza il respiro con il movimento e unisce in un unico flusso una serie di posture.

Se vi piace il movimento, l’imprevisto e la sensazione di fluire davvero da un’asana (posizione) all’altra, questo stile yoga fa proprio per voi! Un genere di disciplina differente dal classico Hatha yoga, le asana vengono mantenute solo per pochi secondi e si completano l’una con l’altra: tenute e posizioni d’equilibrio si alternano allo stretching, in questo modo le fasce muscolari prima si contraggono, si tonificano e diventano più forti e compatte; poi si distendono e, di conseguenza, modellano armoniosamente le forme. Questa pratica è in grado di rendere non solo il corpo più duttile e flessibile, ma anche la mente che, grazie a queste sequenze e alla respirazione profonda, viene progressivamente liberata e riesce a focalizzarsi sulla percezione di ciò che sta avvenendo nel nostro corpo.

E’ una delle tante versioni, depurata in gran parte degli aspetti più prettamente spirituali, con cui l’Occidente si avvicina a questa millenaria disciplina indiana. E’ certamente quella meno statica, coordinata e scandita solo dal ritmo del respiro, come in una danza e a volte simile ai movimenti del Tai Chi.

Con una pratica costante si nota un aumento della mobilità articolare, della tonicità muscolare, un riequilibrio metabolico e lo sviluppo di resistenza, flessibilità, forza, agilità ed equilibrio. Le varie posizioni eseguite in continuità stimolano, infatti, il sistema cardiocircolatorio e, grazie al controllo della respirazione, cuore, muscoli e polmoni vengono stimolati al massimo. Si possono, inoltre, attenuare i disturbi che colpiscono la schiena, in particolare la zona cervicale e lombare, ma anche emicrania e stipsi. Infine, si incrementa e consolida nel tempo anche il benessere psicofisico, ottenendo una maggiore concentrazione, duttilità e consapevolezza.

Alcune curiosità:

chi pratica yoga regolarmente può arrivare a dimostrare ben nove anni in meno rispetto alla propria età biologica.

Lo Yoga aiuta a focalizzarci sul presente e ad  essere maggiormente consapevoli sul proprio se interiore.

Lo Yoga in tutte le sue forme genera uno stato di pace interiore in grado di eliminare i veli che la vita terrena pone di fronte ai nostri occhi, alla nostra mente e ai nostri cuori.

 

Se il corpo cambia, lo spirito cambia

e se lo spirito cambia il cosmo intero si modifica.

 

La casa dell’acqua: una scelta ecologica

Significato e simbologia dei colori nella comunicazione