close
Conservare e gustare… essiccando!

Conservare e gustare… essiccando!

È ormai sempre più diffusa e condivisa una generale attenzione verso l’alimentazione ed il rispetto per l’ambiente e i suoi cicli naturali.

I consumatori, sempre più informati e attenti, sono stanchi di pagare a peso d’oro frutta e verdura fuori stagione, con l’aggravante di consumare prodotti senza sapore e certamente addizionati di prodotti chimici nocivi per la salute.

In molti, inoltre, tornano a scegliere l’auto-produzione, ricavando orti e piccoli terreni coltivati anche nei condomini e in aree urbane o, se impossibilitati a crescere da sé i propri ortaggi, si dichiarano sostenitori del chilometro zero e del biologico. E sempre più piede vanno prendendo scelte di alimentazione più consapevole, come quella vegana o il crudismo.

Per tutti coloro che hanno a cuore una o più di queste istanze, per chi desidera evitare sprechi da sovrapproduzione dell’orto, conservare nel modo corretto i prodotti di stagione per riutilizzarli tutto l’anno, regalare nuova vita agli scarti in cucina, reinventare da zero ingredienti comuni e di ogni giorno trasformandoli in delizie inaspettate al gusto e alla vista, la soluzione c’è ed esiste da millenni, è semplice, efficace e soprattutto ecologica ed economica, ovvero l’essiccazione naturale.

Si può davvero essiccare di tutto, ed è un procedimento estremamente semplice e veloce. È sufficiente ripulire il prodotto e tagliarlo in fette di dimensioni il più omogenee possibile. A questo punto basterà disporle non sovrapposte sui ripiani dell’essiccatore ed avviare la macchina, selezionando il programma desiderato. In ogni stagione sarà così possibile gustare i profumi e i sapori anche di quegli ortaggi in quel momento non disponibili freschi.

Inoltre il processo di eliminazione dell’acqua priva i microrganismi decompositori dell’elemento fondamentale per la loro azione e, in definitiva, ne blocca l’attività; la mancanza di liquidi inibisce lo sviluppo di microbi e previene l’ossidazione dei cibi. Ma non solo: mentre asciuga i prodotti, l’essiccazione, con il suo flusso costante d’aria tiepida, ne modifica la consistenza e permette una concentrazione ed una conservazione massima dei preziosi doni degli alimenti, con tutto guadagno di sapore, aroma, gusto e salute. Esso infatti è un metodo di conservazione degli alimenti che permette di mantenerne pressoché inalterate caratteristiche organolettiche e componenti nutritive,  le proprietà degli alimenti come le vitamine e le altre sostanze nutritive con un’essiccazione a temperatura non superiore ai 45° non vengono perse, ma si mantengono inalterate. Oltrepassando queste temperature infatti si parla di “cottura”.

L’essiccatore è un elettrodomestico di dimensioni variabili. È disponibile anche di dimensioni ridotte per far sì che possa essere disposto con facilità nelle cucine casalinghe, ed è progettato con una forte attenzione al risparmio energetico: richiede modeste quantità di energia elettrica e funziona semplicemente con l’aria!

Vi invito a provare questo semplice, divertente, salutare e gustoso modo di “cucinare”, (ri)scoprendo profumi e sapori della nostra tradizione. Infatti basta pensare ai nostri nonni, che allineavano piantine aromatiche di ogni genere nei solai, appese a testa in giù, per preparare poi infusi, decotti e camomille!

LO SCONTRO GENERAZIONALE SUI VIDEOGAME

“Panorami” d’eccellenza: intervista a Riccardo Zagaria