close
Joy Coffee&Green conquista la Milano Bio con gioia

Joy Coffee&Green conquista la Milano Bio con gioia

Grande successo all’inaugurazione del locale biologico con le altalene

Un giardino segreto in città. Joy Coffe&Green fa pensare alla gioia, perchè già il titolo contiene la parola. Non è  infatti solo una caffetteria o un bistrot, ma un’isola verde con altalene al posto delle sedie, alberi di ulivo al centro del locale ed un soffitto a forma di giardino per una pausa di benessere, gioia e relax. Una ricercata offerta di piatti e bevande biologiche, in una cornice calda e accogliente  in legno,  per tutti i momenti della giornata:  dalla colazione all’aperitivo. Il 19 Ottobre,  Joy Coffe&Green ha conquistato Milano.

Gli ingredienti per una serata di successo c’erano  tutti: la selezione di sfiziosi aperitivi con i salumi  biologici del salumificio Pedrazzoli di Mantova,  i formaggi del Bio Caseificio  Tomasoni di Brescia, le bollicine dell’azienda vitivinicola  Ciù Ciù di Ascoli Piceno ed i cocktail biologici alcolici e non,  il tutto preparato dallo chef  Domenico Sorrentino in una cornice di design originale firmata dall’architetto Alessandro Maja.

La filosofia di Joy Coffee & Green è semplice: avvicinare le persone al mondo bio, senza forzature, con una particolare attenzione all’alimentazione sana.

A due passi dalla stazione Centrale, a 5 minuti dal centro di Milano Joy Coffee&Green è il fratello minore del primo Joy di Castelletto Ticino (Novara), aperto due anni fa.  Ad accogliere  ieri sera clienti e giornalisti,  i colori del legno e le oasi verdi, un grande ulivo all’ingresso, altalene al posto delle sedie, luci soffuse, giornali, libri, piante e computer a disposizione dei clienti (wi-fi libero in tutte le aree). Il locale si estende su due piani: in quello inferiore si trova la cucina, un’area Bio shop con i cibi pronti da portare a casa, due banchi di mescita e uno per il food e bevande. Al piano superiore oltre 80 posti a sedere. Quando lo sguardo sale verso l’alto,  il soffitto appare come  un giardino capovolto con l’erba e tutto l’occorrente per il pic nic. Il progetto di allestimento è stato Ideato dallo studio milanese MajaGroup e realizzato da ORVECA Contract S.r.l. di Alba.

 

La cucina è genuina, le atmosfere sono “quelle di casa” e le proposte gastronomiche riempiono di sapore ogni momento della giornata.

Dopo le golose proposte dolci della colazione, le ricette ed i piatti caldi  sono semplici e leggerissimi,  senza  sofisticazioni aggiunte. I prodotti sono di alta qualità nel rispetto di una filiera produttiva naturale e biologica per garantire il massimo della genuinità del prodotto.  Ed ecco ciò che  si può trovare nel menù:  Pennette di segale integrali con pomodorini, zucca e ricotta di pecora; filetto di branzino all’acqua pazza; bocconcini di pollo alla curcuma, pepe e limone; vellutata di broccoli e basilico con crostini e sesamo nero; riso Carnaroli integrale mantecato con carote e funghi; mousse vegan e senza lattosio al cioccolato, whiskey e nocciole croccanti. Poi zuppe vegane, piatti a base di verdure, carne e pesce. Ricette semplici, e stuzzicanti preparate con un occhio attento ad ogni tipo di esigenza di palato  ma anche di salute.

Da Joy Coffe & Green non mancano i grandi classici: tramezzini, insalate, piadine, focacce (tutte cucinate con farina biologica), piatti freddi, e caldi che cambiano ogni giorno. Se si parla di cibo biologico non possono mancare centrifugati, frullati e succhi di frutta da accompagnare a dolci fatti in casa come tortini di mele, di carote, crostatine ai lamponi, e pastafrolla vegana senza glutine, i brownies (anche questi senza glutine) e la piccola pasticceria. Infine andando verso l’orario aperitivo accanto ai cocktail tradizionali, anche quelli biologici: con vodka, tequila, rum e gin rigorosamente bio.

Questo il desiderio di Joy: offrire un luogo dove fare  una “pausa”  di benessere e gusto per rallentare il tempi!

Elisa Stefanati

Elisa Stefanati

Managing Editor, giornalista, psicologa e psicoterapeuta

“Panorami” d’eccellenza: intervista a Riccardo Zagaria

L’occhio sul 900 di Henri Cartier-Bresson