close
50 SFUMATURE DI…. PROTEZIONE

50 SFUMATURE DI…. PROTEZIONE

La protezione come istinto-interazione genitore bambino al Laboratorio di Pediatria a Cosmofarma

C’è in noi un istinto atavico, la protezione nostra e degli altri. E’ un gesto innato, abituale, mai analizzato a sufficienza. Protezione è una parola multifunzione,  con mille sfumature interconnessa al concetto di amore che  esprime la capacità di un individuo di essere attento alle esigenze e ai bisogni dell’altro, esprime il senso di protezione e di preoccupazione per l’altro ed è piena assunzione di responsabilità in quanto il fine ultimo è la realizzazione del valore dell’altro (il “prendersi-cura-di”). “ Alzando una mano ci proteggiamo gli occhi dal sole, facendo scudo con il nostro corpo proteggiamo i nostri figli per ripararli dal pericolo. Lo stesso facciamo con noi stessi o a tutela di chi amiamo. Il medico cura i malati, l’infermiere li accudisce. Il pericolo si “annusa” nell’aria quando si è madri.

 

E’ una nota olfattiva che nei seni del nostro cervello si svela prima e  fa andare in aiuto di chi amiamo. La Protezione nasce con noi. La parola protezione si usa in mille declinazioni. Da Metastasio “ con l’iperbole del proteggere dai rigori dell’inverno”; dalla botanica quelli che proteggono con i tessuti le possibili offese dell’ambiente esterno, sia fisico che biologico. Nella tecnica: la protezione di dispositivi sensibili proteggono altre macchine ancor più delicate. La protezione di smalti, di materiali tecnici per ogni struttura sia umana che non umana. La protezione in informatica dei software. La protezione dalle malattie con la prevenzione. Per l’ambiente animale e botanico la protezione della specie. E’ la parola spesso associata al concetto di equilibrio. Aiuta a proteggere e a proteggersi dalla propria ed altrui aggressività. Per cause antropologiche, sociologiche,  fisiologiche o biochimiche nella specie umana,  negli ultimi tempi,  ha avuto un’inflessione, una retrocessione ove il passaggio all’atto predomina sul pensiero logico, lasciando posto ad un uomo sapiens che in realtà non sa più proteggersi e proteggere come gli sarebbe d’istinto. In Cosmofarma il Laboratorio di Pediatria  parte da questo concept straordinario: Protezione. Proteggiamo  i nostri figli, i nostri amici, li accudiamo. Approfondiamo le figure e i ruoli della famiglia, dai genitori  ai nonni, all’attenzione verso i più fragili: i bambini, che vedono , sentono , imitano.

 

Dall’alimentazione, alla cura della pelle che è il confine del nostro sentire interno a contatto con l’esterno. Aziende come Ferring, Unilever-Fissan, Difa Cooper  accompagnano il progetto dando voce a professionisti specializzati su questo tema. E’ l’articolo 32 della Costituzione italiana che obbliga a sostenere e migliorare la salute di tutti. E’ l’artico 3 della Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza che regge le regole della protezione. Per proteggere è necessario essere informati, perché l’informazione è un primo passo verso la tutela del benessere del bambino e di chi ha bisogno che questa parola ritorni ad avere l’importanza che si merita.A sostegno di questo Laboratorio intervengono gli specialisti di “ Lo sai mamma? “ per la salute materno-infantile dell’Istituto Mario Negri di Milano in collaborazione con Federfarma e l’Associazione Culturale Pediatri. Il Farmacista Francesco Gamaleri con il farmacista Paolo Vintani, i medici: Il dermatologo Ivano Luppino e la pediatra- urologa Maria Laura Chiozza, ci aiuteranno a capire come leggere in un bambino i disagi e cosa serve per vivere sicuri e protetti. Il 6 Maggio a Cosmofarma verrà gettato un ponte per collegarsi alla giornata del 30 Maggio in cui si celebra il World Bedwetting day la giornata mondiale che intende affrontare il tema dell’enuresi in tutto il mondo. Un approccio multidisciplinare nella cura dell’enuresi elimina il peso emotivo sul bambino, la pressione psicologica sui genitori, migliora  la qualità della vita e la funzionalità fisiologica anche diurna degli apparati urogenitali del bambino. L’enuresi  è un disturbo frequente che può e deve essere trattato con competenza, senza timori, o colpevolizzazioni del bambino o della famiglia.

Susanna Messaggio

Susanna Messaggio

Editor in chief, Beyond PR

Torri in festa torri in luce

Nel mese delle mamme diamo una “mano” alle iniziative che promuovono la salute