close
TESORI DI CONFINE: LIMONE DEL GARDA TRA PANORAMI E SAPORI

TESORI DI CONFINE: LIMONE DEL GARDA TRA PANORAMI E SAPORI

Si avvicina l’estate  tra mare e montagna;  una scelta alternativa di tutto rispetto potrebbe ricadere sulle splendide rive del Lago di Garda. Nella zona nord occidentale del lago, al confine tra Lombardia e Trentino Alto Adige, sorge la splendida cittadina bresciana di Limone sul Garda, il cui nome deriva dall’antico termine latino “limes” che significa “confine”. Curiosa e bizzarra la coincidenza per cui, in questo territorio lacustre e montano allo stesso tempo, risulti tipica la coltivazione e commercializzazione dei limoni, piante notoriamente refrattarie ai grossi sbalzi di temperatura ed ai climi rigidi.

Limone del Garda

La storia racconta di come la coltivazione degli agrumi risalga al XIII secolo ad opera dei frati del Convento di San Francesco di Gargano, i quali, per permettere alle piante di superare l’inverno,costruirono le prime limonaie con muraglie, pilastri, scale, portali e travi su cui da novembre a marzo venivano fissate poderose vetrate. Durante la prima metà del Settecento, grazie agli investimenti della famiglia Bettoni, Limone venne nominato non a caso “il paese dei limoni”. Ancora oggi è possibile ammirare la Limonaia del Castel, che ha regalato alla città del passato grandi risorse economiche. Con l’apertura della strada che costeggia il Lago di Garda, la Gardesana Occidentale, Limone ha aperto le porte al turismo diventando oggi una delle mete più gettonate della zona. Caratteristico e suggestivo il porticciolo, che conserva il fascino antico della cittadina di pescatori: tra fiori, ristoranti, gelaterie, negozi, profumi e scorci suggestivi è il luogo ideale per assaporare il mix tra antico e moderno offerto dalla Limone odierna.

Porticciolo Limone del Garda

La cittadina si presta come punto di partenza per un tour di tutta la zona del lago di Garda, alla scoperta di meraviglie architettoniche e naturali distanti pochi km l’una dall’altra, raggiungibili in auto o in moto,in bici per i più sportivi e per i più romantici con l’utilizzo del caratteristico battello, facendo un salto indietro nel passato a beneficio di adulti e bambini che ameranno sicuramente l’avventura. Imperdibile quella che conduce a Malcesine, cittadina graziosa al pari di Limone, situata sulla costa orientale del lago. Dalle cime del medioevale Castello Scaligero che la sovrasta, si possono scorgere panorami mozzafiato del lago. Non stupisce scoprire come il castello, da alcuni anni, possa essere sfruttato come location per servizi fotografici e matrimoni civili. Le parti visitabili sono soprattutto all’aperto, tra scalinate, cortili e cinte murarie. In una delle aree interne del castello è stato allestito il museo di storia naturale del Garda e del Monte Baldo. Proprio quest’ultimo può essere raggiunto da Malcesine mediante l’utilizzo di due moderne funicolari che regalano l’esperienza suggestiva di ritrovarsi a 1800 metri d’altezza ad ammirare il mondo dalla vetta, immersi tra nuvole, rocce, neve e natura. Il costo del servizio di risalita è abbastanza elevato, tuttavia l’esperienza è talmente bella che vale la pena viverla, consigliata senza ombra di dubbio eccezion fatta per chi soffre di vertigini!Molte sono dunque le attrazioni che questa zona può offrire, accontentando un po’ tutti, gli amanti della natura e coloro che non possono fare a meno di un po’ di shopping e di svago.

Salute: i ritmi circadiani dell’asse cervello-intestino-pelle

I detective del Waldorf Astoria