close
Ping Pong in rosa

Ping Pong in rosa

1 settembre 2017

C’è un circolo virtuoso nello sport:più ti diverti più ti alleni più ti alleni più migliori più migliori più ti diverti (P. Gonzales)

Un tintinnio sul tavolo verde, concentrazione, sudore una racchetta e il tuo avversario. Non in molti considerano il tennis da tavolo come un vero e proprio sport, ma solo un gioco divertente e poco impegnativo per trascorrere tempo con gli amici, soprattutto in questo periodo tra caldo, sabbia, sole e musiche estive. Per un modesto gruppo di sportivi, nulla è più lontano dalla verità. Il ping pong è per loro una vera e propria passione, uno sport ed un impegno a 360 gradi.

“Provare per credere! Solo praticandolo si riescono a comprendere le difficoltà, le tecniche, i riflessi, l’intuito e la preparazione atletica che richiede questo sport.”

 A sostenerlo è la giovanissima allenatrice Letizia Maiorano che pratica a livello agonistico questo sport dall’età di sei anni. Laureatasi per la prima volta  campionessa Italiana nel 2006, per Letizia vi è un connubio tra amore per il suo sport e lavoro, Allena infatti adulti e bambini per due società sportive: il settore tennistavolo dell’ASD Polisportiva Trezzano e l’ASD TT Binasco.

“Mi piace stare con i bambini e i ragazzi e quindi non mi pesa affatto, certo, ci vuole tanta pazienza per far apprendere le tecniche di questo sport ma ho molte soddisfazioni.” Il bello del pingpong inoltre- prosegue Letizia- è che può essere praticato da tutti dai bambini di sei anni fino  agli anziani di 90!”.

In questo sport di nicchia, trovano spazio di azione anche molte ragazze, con gratificazioni e benefici a diversi livelli.Contrariamente a quanto si pensi, anche il ping pong è prevalentemente uno sport di squadra anche se praticato individualmente. Letizia assieme alla sua squadra “ASD TT 2009 PAVIA” è riuscita a conquistare, nell’anno agonistico appena trascorso, la promozione in serie A2.

“Il mio esser donna in questo sport non è mai stato un problema, anzi, tira fuori tutta la grinta che hai dentro e molte volte le donne sono più agguerrite e determinate degli uomini”

 Una realtà originale e poco conosciuta, che ancora oggi fatica a trovare sponsor e riconoscimenti ma che fa battere il cuore a chi la pratica. Un mondo che sono felice di aver conosciuto un po’ più da vicino e che spero possa incuriosire i lettori e chissà invitare qualcuno a provare.

AI CONFINI DELLA REALTA’. SAN SETTIMIO UNA COMUNITA’ ESISTENZIALE.

Per una vita “Sana” appuntamento a BolognaFiere