close
Il Fuoco di Agnese il romanzo di Cristina Nutrizio

Il Fuoco di Agnese il romanzo di Cristina Nutrizio

La libertà di fare e dire ciò che si pensa senza avere paura (Il Fuoco di Agnese)

Il Fuoco di Agnese è un romanzo avvincente con una fitta trama costruita sulle sensazioni, i sentimenti, i pensieri incrociati e distorti . Una confessione laica liberatoria attraverso la quale la protagonista cerca di trarre linfa vitale, confidandosi con un sacerdote.

Agnese è una film-maker che incontra per lavoro un’artista, Guccio Guarini. Ne nasce uno scambio intellettuale intenso.

Lei ha una vita frenetica, con amori fugaci ed inutili. Nuvole di passaggio.

Copertina del libro

Lui è immerso nel suo mondo astratto ed intellettuale. Apparentemente tranquillo, ma con un fuoco dentro. Ha una moglie che non riesce più a far parte dei suoi pensieri in modo corretto. Incontra Agnese in un cimitero. Nascono metafore, significati sul mondo, sulla vita, sugli animali. Nulla però è banale. La narrazione travolge, l’ambiente l’isola di Ustica, ma anche la val Bregaglia e la Svizzera sono i luoghi in cui l’artista Guccio sviluppa il suo sentire.

 

Niente è come te lo aspetti, neppure il sesso.

L’autrice, Cristina Nutrizio è una donna con una formazione poliedrica, laureata in drammaturgia al Dams di Bologna, è stata assistente alla regia di Dario Fo e di Giorgio Strehler ed ora autrice dei programmi con i massimi ascolti di Barbara D’Urso.

Cristina Nutrizio

Lei Cristina Nutrizio, con i suoi due figli, il suo mondo di lavoro “ particolare”, la sua esperienza tra fiction e realtà è una talentuosa scrittrice con grande e curioso spessore narrativo. Si sentirà parlare ancora di lei, non potrà rimanere l’unica sua creazione, in quanto la sua realtà, supera la fantasia. Il Libro IL FUOCO DI AGNESE è edito da Maggioli. Un romanzo da non perdere, un pensiero da donare, anche, per il prossimo Natale!!!

Susanna Messaggio

Susanna Messaggio

Editor in chief, Beyond PR

AD AREZZO COSMOFARMA ON THE ROAD RILANCIA I TEMI DELLA FARMACIA DEL FUTURO

L’AFRICA SOTTO LA NEVE: GLI “INSOSPETTABILI” CHE SCELGONO IL FREDDO