close
L’AFRICA SOTTO LA NEVE: GLI “INSOSPETTABILI” CHE SCELGONO IL FREDDO

L’AFRICA SOTTO LA NEVE: GLI “INSOSPETTABILI” CHE SCELGONO IL FREDDO

La nevicata sul Parco Natura Viva: ma le specie africane si sono dimostrate a proprio agio tra i fiocchi di neve

Un’ampia distesa di neve e un’antilope che ne perlustra gli spazi, sorpresa dal candore in cui è caduta tutta la “pianura d’Africa”: si è mostrato così il Parco Natura Viva di Bussolengo dopo la lunga nevicata di qualche giorno fa, che ha tenuto alcune specie al tepore delle aree interne riscaldate e ha lasciato ad altre la possibilità di entrare e uscire a proprio piacimento. E sono state proprio le specie originarie di quello che viene comunemente considerato il continente “caldo” per eccellenza a mostrarsi nient’affatto intimidite dalle inusuali condizioni metereologiche.

Le antilopi roane sono state le prime “insospettabili” a trascorrere il tempo brucando sotto la neve, pur potendo disporre di stalla aperta e fieno in quantità. Dopo di loro hanno preso coraggio anche i buoi dei watussi e i lichi del Nilo, mentre al di là della pianura un’altra specie africana affrontava gli zero gradi a modo proprio: già indossata la “pelliccia invernale” tipica delle foreste a nord del Sahara, le bertucce non si sono fatte sorprendere e, ognuna dalla cima del proprio albero, gustavano il proprio pasto alla mercè degli ultimi fiocchi di neve. Alla prima esperienza i suricati che, tenuti al caldo delle tane sotterranee i due piccoli, non hanno resistito e si sono buttati iniziando  a scavare tra il manto candido.
“La stagione invernale africana può riservare temperature anche molto rigide ed escursioni termiche molto superiori alle nostre, in special modo per animali come le bertucce che possono vivere fino ai 2.600 metri di quota”, spiega Caterina Spiezio, responsabile del settore ricerca e conservazione del Parco Natura Viva. “L’adattamento al freddo non è raro per queste specie, ma è anche necessario lasciare loro la possibilità di scegliere dove trascorrere il tempo, garantire una buona alimentazione e un buono stato di benessere. Quello che sappiamo grazie a anni di esperienza e di osservazione del comportamento, è che gli animali sono capaci di adattarsi anche alle condizioni più avverse e per certi versi è molto più difficile gestire il caldo con tanta umidità che un “sano freddo”, come le temperature che si hanno con una nevicata”, conclude Spiezio.

 Speciale apertura invernale fino al 7 Gennaio: il Parco Natura viva non andrà in letargo.

Nonostante sia arrivato l’inverno, il Parco Natura Viva non andrà in letargo, nemmeno durante le feste natalizie: tra strenne e luccichii, il Parco e i suoi abitanti sono pronti ad accogliere adulti e bambini nella stagione più fredda dell’anno. Già addobbato a festa con renne, slitte e pacchi regalo, il parco zoologico del Lago di Garda lancia per il quinto anno consecutivo lo speciale biglietto invernale, che dall’11 dicembre fino domenica 7 gennaio, permetterà al pubblico di visitare il solo parco faunistico (zona pedonale) ad una tariffa ridotta: 10 euro per i bimbi dai 6 ai 12 anni, 15 euro per gli adulti. Entrata gratuita poi per i bimbi sotto i 5 anni.
Durante questo periodo, lo staff del Parco Natura Viva terrà i cancelli della zona pedonale aperti tutti giorni (31 dicembre e 1 gennaio compresi) ad esclusione del 25 dicembre, con un calendario delle attività che condurrà grandi e piccini alla scoperta degli animali che popolano gli ambienti del freddo. Tutti gli eventi su www.parconaturaviva.it.

Luca Celeghin

Luca Celeghin

Editor e Young Account

Il Fuoco di Agnese il romanzo di Cristina Nutrizio

CHI E’ CHI HA FESTEGGIATO IL NATALE CON ALFA ROMEO