Con I delitti del Santo di Maggio 2 tornano le inchieste del commissario Marano, investigatore nato dalla penna di Enzo Meli

Lo scrittore ragusano Enzo Meli ritorna sulla scottante vicenda che aveva iniziato nel thriller noir I delitti del Santo di Maggio. Gli atroci omicidi dell’onorevole Gallo e del sacerdote don Pippo nella Ragusa degli anni ’70. I delitti del Santo di Maggio 2 – il nodo (sempre edito da TraccePerLaMeta nella collana Oltremare – narrativa) è il seguito diretto della saga poliziesca che vede come protagonista il commissario Rocco Marano. Sebbene in pensione, il commissario non si rassegna a vedere irrisolti i due efferati delitti che lo hanno riportato, dopo trent’anni, nella Sicilia da cui tutto era cominciato.

In questo nuovo capitolo ritroviamo i personaggi amati dai lettori nel primo volume de I delitti del Santo di Maggio. Come il principe Tommaso Moncada Andragna, amico e confidente di Marano. In un crescendo di emozioni, lo scenario si sposta dalla Sicilia tanto cara all’autore e che aveva fatto da scenario principale al primo capitolo, al Nord d’Italia e alla Spagna. Un percorso geografico parallelo a quello temporale che compiono i protagonisti. Un’indagine a ritroso nel tempo con il metodo introspettivo dell’autoipnosi. Il passato è la chiave per chiarire problematiche interiori e i misteri del presente. Il grande investigatore Rocco Marano riuscirà a sbrogliare il nodo di questa intricata vicenda e del duplice delitto? Ai lettori il piacere di scoprirlo.

Ancora un volta Enzo Meli riesce a tessere una trama avvincente, mai banale. Una storia da leggere tutta d’un fiato, avvincente e ricca di colpi di scena. I lettori si troveranno avvolti da azioni, riflessioni, sentimenti di amicizia, affetti e piani di vendetta. Tutto ciò che hanno già amato nel primo libro, complice la capacità dell’autore di mantenere un alto livello stilistico. I personaggi sono ancora lì. Con le loro debolezze, le loro manie e la loro forza, pronti ad immergersi nella Storia, che ancora una volta si dimostra maestra di vita e inesauribile fonte per capire il presente.

L’autore

Enzo Meli è nato a Comiso (Ragusa) nel 1945. Dopo aver frequentato nella sua città natale l’Istituto d’Arte, si trasferisce a Torino nel 1960. Diventa vetrinista pubblicitario e lavora nel settore della moda, dove crea il famoso Lurex, primo tessuto jeans in lamé. Dal 1962 si è occupato di radio e televisione, producendo centinaia di format televisivi. Autore e produttore televisivo, è stato precursore delle radio e delle televisioni commerciali private. A settant’anni, nel 2015, esordisce con il suo primo romanzo, I delitti del Santo di Maggio e l’anno seguente pubblica io & Paulo Coelho.

Entrambi i testi sono editi da TraccePerLaMeta Edizioni, un’Associazione Culturale che si propone come editore anche per autori esordienti. Nei suoi cataloghi le collane sono indicate con i colori.  La Collana Arancione per le Antologie di Concorsi. Le raccolte di poesia sono inserite nella Collana Indaco e i libri per ragazzi nella Collana Smeraldo. La Collana Oltremare è la narrativa, quella Avorio la saggistica. La Collana Sabbia, infine, indica la critica letteraria. L’associazione TraccePerLaMeta promuove attività d’incontro tra scrittori, poeti, artisti e i lettori in varie attività quali reading poetici, mostre di opere d’arte, conferenze a tema. Un’attività che promuove la cultura e la sensibilità dello scrivere e dell’ascoltare.
Per informazioni www.tracceperlameta.org

 

Leggi anche – Vittorino Andreoli presenta Essere e Destino