Viso e corpo: come prepararsi ai prossimi bagni di sole

Viso corpo e capelli sono messi a dura prova durante i cambi di stagione. In Estate poi in particolare rialzo delle temperature, sole, salsedine e aria condizionata attaccano la barriera cutanea protettiva favorendo disidratazione, comparsa di rughe e minacciando turgore e luminosità. I medici del centro di medicina e chirurgia estetica Juneco City Life Milano forniscono  tutte le informazioni per una pelle sana turgida e luminosa e per prepararsi in bellezza all’Estate. Ecco come prepararsi ai prossimi bagni di sole

Partiamo dall’alimentazione: vitamine amiche per la pelle

Avere una pelle morbida, elastica e sana è essenziale per la nostra bellezza, ma non soltanto. E bisogna prendersene cura anche dall’interno. La tavola è il primo luogo dove possiamo prenderci cura della nostra pelle, arricchendo ogni volta i nostri pasti con abbondanti porzioni di verdure di stagione e di frutta, cibi ricchi di vitamine, le principali alleate della nostra pelle. Le vitamine sono fondamentali per lo svolgimento di numerosi processi biochimici e fisiologici nel nostro organismo, svolgendo spesso funzioni anti-ossidanti, ovvero: aiutano l’organismo a contrastare i radicali liberi, a prevenire l’invecchiamento e a mantenere i tessuti sani. La nostra pelle, in pratica, è espressione di ciò che mangiamo- esordisce Caterina Cellai dietista presso il centro di Medicina e Chirurgia Estetica Juneco City Life- e le vitamine A, B, C, D, E sono formidabili alleate per mantenerla giovane e sana. Le vitamine più importanti per la pelle? Partiamo dalle Vitamine del gruppo B: La vitamina B2 svolge un efficace azione antiossidante contrastando l’azione dei radicali liberi sul DNA, e contrasta patologie cutanee come l’acne. La Vitamina B2 inoltre stimola la sintesi di alcuni componenti lipidici della cute, come il collagene. La vitamina B5 è fondamentale per la re-idratazione cutanea e la rigenerazione cellulare, mentre la B8 è indispensabile per la produzione di acidi grassi dell’organismo, fondamentali per mantenere la cute in salute. La Vitamina A influenza il metabolismo delle cellule, lavorando sulla loro membrana in modo che svolga al meglio la sua funzione di “filtro” contro le sostanze nocive. La Vitamina E possiede un’elevata attività antiossidante, migliora la circolazione e quindi l’aspetto della nostra pelle perché contribuisce a mantenere il sangue fluido e previene le macchie cutanee e i danni causati da raggi UV. La Vitamina C – è uno dei più efficaci antiossidanti esistenti in natura. Contrasta l’azione dei radicali liberi prevenendo in questo modo l’invecchiamento della pelle, è un ottimo anti-infiammatorio e stimola la formazione di collagene. La frutta più ricca di vitamina C è il melograno,  uva, ribes, kiwi, fragole, agrumi, mentre negli ortaggi la troviamo nei peperoni, broccoli e cavolfiori. Le principali fonti alimentari di Vitamina E sono gli oli vegetali (come olio di germe di grano, olio di mandorle o di girasole) e la frutta a guscio (come mandorle e nocciole), ma anche l’avocado, frutto sempre più utilizzato nella nostra alimentazione, è ricco di vitamina E e vitamina C. Inoltre è presente anche negli spinaci, asparagi e cereali integrali. Indispensabili  sono anche i sali minerali come calcio, magnesio, fosforo, potassio, ferro e rame  di fondamentale importanza per mantenere l’equilibrio idrico e regolare le reazioni biochimiche.

 

Acido Ialuronico chiave di Idratazione

Tra gli ingredienti di prodotti i Filler idratanti, per viso e corpo, compare spesso l’acido ialuronico che, già presente nel derma, contribuisce a conferire un aspetto rassodato alla pelle, a favorire l’idratazione e il turgore e a fungere da “captatore d’acqua per questo è il migliore alleato della pelle per prepararsi all’estate. L’acido ialuronico- spiega il dottor Fabio Caviggioli direttore sanitario del centro di Medicina e Chirurgia Estetica Juneco– è uno dei componenti fondamentali dei tessuti connettivi dell’uomo e degli altri mammiferi. Conferisce alla pelle quelle sue particolari proprietà di resistenza e mantenimento della forma. E’ contenuto  nel tessuto cutaneo, ma anche in altri tessuti dell’organismo, come: cartilagini, occhi, liquidi delle articolazioni e tendini. Ha la funzione di trattenere acqua nei tessuti stessi, che per questo motivo diventano plastici e turgidi». I filler a base di acido ialuronico contrastano  la disidratazione e facilitano un ecosistema cutaneo favorevole alla riattivazione della sua funzionalità, stimolando anche la produzione di nuovo collagene e aiutando anche a meglio connettere gli strati del derma tra di loro. Le texture che contengono questo ingrediente permettono alla pelle di trattenere più acqua. C’è ancora tempo per preparare la pelle al sole. Dopo i trattamenti iniettabili, è sufficiente non esporsi al sole per una decina di giorni: il tempo necessario per beneficiare del sole come alleato ma garantendo le giuste attenzioni alla pelle, e ricordando sempre i filtri ad altissima protezione.

Con la biorivitalizzazione elasticità  e compattezza

 Una decina di giorni prima di esporsi al sole un trattamento ideale per ridurre lo stress ossidativo a cui sole, caldo, salsedine espongono la pelle d’estate è la biorivitalizzazione: in realtà si tratta di un trattamento molto richiesto tutto l’anno  in Medicina Estetica- spiega Giulia Bellettati Medico estetico presso Juneco-  che consiste nell’apportare alla pelle sostanze di fondamentale importanza, come acido ialuronico libero ,  complessi multivitaminici, e aminoacidi biorivitalizzanti per  mantenere o ridare elasticità, compattezza ed idratazione. I distretti che possono trarre massimo beneficio dalla biostimolazione sono: viso, collo  décolleté e zone di maggior lassità. L’ applicazione di acido ialuronico,  complessi multivitaminici (vit. A, B, C, E) e aminoacidi- prosegue la dottoressa Bellettati- è fondamentale per favorire la sintesi di collagene ed elastina. Molteplici i vantaggi: maggiore elasticità, turgore, compattezza e luminosità della pelle, azione ristrutturante, anti-age ed antiossidante per combattere la formazione di radicali liberi responsabili del crono-foto invecchiamento. Una significativa innovazione tecnica per la biorivitalizzazione- aggiunge Giulia Bellettati-   è stata l’ introduzione, a partire dal 2011, di speciali cannule smusse molto sottili e flessibili al posto dell’ ago tradizionale. I vantaggi derivanti dall’uso delle cannule,  sono molteplici: notevole riduzione del fastidio durante il trattamento, rispetto agli aghi, riduzione o spesso completa assenza dei lividi, anche in aree particolarmente a rischio, come la zona intorno agli occhi e le labbra, possibilità di trattare aree estese senza dover riposizionare la cannula attraverso la cute, maggiore uniformità del trattamento, riduzione del trauma ai tessuti e tempi di recupero più rapidi dopo il trattamento.

Profhilo trattamento biorimodellante

 Altro anti-aging perfetto è Profhilo: questo tipo di trattamento viene definito biorimodellante con effetto tensore. Profhilo- prosegue Giulia Bellettati-  è a base di acido ialuronico biotecnologico ad alto grado di purezza ed ha una frazione a basso  ed una ad alto peso molecolare.  Questa duplice formulazione garantisce una migliore  ristrutturazione, idratazione, compattezza, tono, elasticità. Si tratta pertanto di un perfetto alleato contro la lassità. Profhilo infatti, non puo’ essere definito un filler- aggiunge la dottoressa Bellettati-  in quanto non va ad alterare i volumi ma produce una duplice azione: bio-rigenerante, in quanto la frazione a basso peso molecolare stimola i fibroblasti a produrre sostanze fondamentali quali collagene, elastina ed acido ialuronico endogeno; azione ed effetto liftante tensore legato alla frazione ad alto peso molecolare che facendo da sostegno  al derma, “rimpolpa “ il viso e contrasta il cedimento cutaneo donando un leggero effetto lifting e rimodellando il viso.

I Medici di Juneco

Botox alleato antiaging per  tutte le stagioni

Tra gli iniettabili consigliabili in questo periodo come prevenzione antiaging anche la tossina botulinica che  permette di inibire temporaneamente l’azione dei muscoli mimici del volto riducendo la formazione delle rughe di espressione. Acido ialuronico e botulino hanno un’azione correttiva delle rughe: diverso è l’uso che se ne può fare in base all’obiettivo. In sintesi, l’acido ialuronico riempie rughe e linee di espressione, il botox le distende. Nel primo caso la correzione è più superficiale, con la tossina botulinica invece si interviene sulle cause della formazione delle rughe. I continui movimenti dei muscoli facciali, infatti, determinano a lungo andare il presentarsi delle rughe» prosegue Donatella Mecchia Medico Estetico presso Juneco–  bloccare temporaneamente questi muscoli permette di avere un viso più liscio e meno “solcato”. Come si decide se usare l’acido ialuronico o il botox? Innanzitutto dipende dalle aree distrettuali del viso in cui si sono formate le rughe. «E’ un trattamento che io propongo, certa degli ottimi risultati, per il terzo superiore del volto, cioè l’area del viso che va dal naso in su, interessando fronte e contorno occhi.  L’acido ialuronico, invece, può essere impiegato su tutto il viso per rimodellarlo e renderlo più fresco e armonioso».

 Tutti gli usi del botox che non conosci 

La Tossina Botulinica viene utilizzata con successo in campo medico estetico per inibire la motilità dei muscoli e ridurre le rughe di espressione. Il Botulino trova indicazione  ottimale in tutte le situazioni in cui è richiesto di attenuare  le rughe di espressione della fronte, lato occhi e sopracciglia. “Meno noto- precisa Donatella Mecca medico estetico presso  Juneco City Life-  è l’utilizzo del Botox per trattare patologie come  l’iperidrosi, ovvero l’eccessiva sudorazione a livello di ascelle,  piedi e mani;  il Bruxismo, la contrazione involontaria del muscolo massetere, soprattutto durante il sonno, che comporta anche abrasione dei denti; e per attenuare le bande verticali del muscolo platisma, ovvero quegli antiestetici  cordoni o “bandelle” che tendono a formarsi sul collo”. Inoltre, fra gli utilizzi meno conosciuti del botox, anche il meso botox per un effetto più naturale e per attenuare le piccole rugosità superficiali, ma anche per un effetto di sebo regolazione nelle pelli seborroiche e acneiche.

Coolsculpting: il metodo “Frozen” per il contrasto delle adiposità localizzate

 

E in merito ai trattamenti last minute per il corpo? Tra le tecnologie  più efficaci e sicure c’è  CoolSculpting™. Stiamo parlando di un trattamento non chirurgico e privo delle sequele post operatorie tipiche di liposuzione e liposcultura, che aiuta a ridurre gli accumuli di grasso localizzati utilizzando il freddo e permettendo un immediato ritorno alla propria vita quotidiana. La tecnologia – spiega il Dottor Massimiliano Gioco, Medico Estetico presso Juneco City Life– sfrutta l’evidenza scientifica per cui, l’esposizione degli adipociti (le cellule che contengono il grasso in forma di goccioline) a temperature particolarmente basse, ne induce il “suicidio”, scientificamente definito APOPTOSI. Grazie ad un’ampia gamma di manipoli siamo in grado di trattare qualunque area corporea, dalla più piccola come la regione sotto mentoniera, alla più estesa come addome o culotte. Ciascun manipolo si presenta come una campana che, una volta applicata sulla cute, esercita una pressione negativa, agendo come vacuum sia sulla pelle che sul sottostante grasso. Si attivano poi le piastre congelanti che raffreddano selettivamente ed in modo controllato gli adipociti, lasciando intatti tutti gli altri tessuti.  Le cellule adipose esposte a questa temperatura si disgregano nei mesi successivi e vengono allontanate dal sistema linfatico e circolatorio grazie agli “spazzini” dell’organismo: i macrofagi. Il risultato è, settimana dopo settimana, una riduzione progressiva del numero degli adipociti della zona trattata e di conseguenza dello spessore dello strato adiposo. La procedura CoolSculpting™ può portare ad una riduzione media del grasso del 20% dopo ogni singolo trattamento. I candidati ideali per il trattamento CoolSculpting™ sono quindi relativamente in forma, ma hanno alcuni accumuli di adipe che non riescono a eliminare con la dieta e l’esercizio fisico. Il trattamento CoolSculpting™ pertanto non deve essere inteso come soluzione per perdere peso o per combattere l’obesità e non è un sostituto di metodi invasivi come la liposuzione. E infine per il corpo? Tra i trattamenti last-minute per prepararsi in bellezza all’estate sicuramente spicca l’epilazione laser per sfoggiare gambe lisce ed indossare abitini corti e sbracciati in massima libertà. Ormai l’estate è alle porte, ma c’è ancora tempo per sottoporsi ad un paio di sedute laser  per ottenere buoni  risultati,  tenendo presente  che dopo la seduta laser non bisogna esporsi al sole per tre settimane. Il Laser Medicale ad Alessandrite rappresenta l’ultima generazione di epilazione definitiva medicale in quanto penetra nei follicoli piliferi distruggendone il bulbo,  ma preservando la pelle circostante. Il laser medicale legge anche i peli più sottili e quelli biondi e li elimina in maniera definitiva. Il laser Medicale riduce la follicolite,  anzi la cura; riduce i capillari ed annulla i traumatismi causati dalla ceretta .

 

Il team di Juneco City Life Milano