Natale in Bellezza

In sole 4 settimane, trattamenti viso e corpo per brillare nelle notti più scintillanti dell’anno

E’ iniziato il countdown per la notte più magica dell’anno. Cene, aperitivi, pranzi conviviali ed occasioni di incontro. Chi non vuole apparire al top della forma indossando il tubino delle feste ed  osando con il make up delle grandi occasioni per eseere la regina della festa?

Per non farsi cogliere impreparate viene in soccorso un semplice vademecum beauty sui trattamenti estetici “must ask” per ovviare ad alcuni tra i più comuni e fastidiosi inestetismi della nostra pelle. Parola d’ordine per le prossime 5 settimane? No stress!

I riflettori sono tutti  puntati sulla pelle. Occorre, prima di tutto, cancellare macchie e impurità causate dalle esposizioni solari di quest’estate. Il primo passo è da sempre il peeling chimico, trattamento che consente di esfoliare la pelle in profondità e stimolare la rigenerazione cellulare. Risultato finale? Il viso apparirà come rigenerato, fresco, più luminoso e con una texture più compatta.

Anche il fisico però vuole la giusta attenzione. Per depurarsi, sgonfiarsi e arrivare al meglio ad uno dei periodi più attesi dell’anno, può essere utile la liposcultura alimentare-  il prof. Sergio Noviello, medico e chirurgo estetico, direttore sanitario di Milano Estetica– un innovativo trattamento di medicina estetica finalizzato alla riduzione delle adiposità localizzate e alla perdita di peso. Questa innovativa strategia per il controllo del peso prevede l’integrazione di un pool di aminoacidi combinati con una specifica alimentazione, permettendo di perdere fino al 10% del proprio peso corporeo in pochi giorni.

Sergio Noviello Direttore Sanitario  Milano Estetica

E per chi invece soffre di borse e occhiaie? Per correggerle, si può ricorrere a poche sedute del nuovo protocollo di Milano Estetica cosmetic surgery & medical SPA. L’ultimo ritrovato della medicina estetica è a base di filler di acido ialuronico non crosslinkato e peptidi biomimetici che permettono un miglioramento dell’area duraturo e, soprattutto, visibile. Il filler è molto ben assorbibile dai tessuti e metabolizzabile in modo estremamente graduale e controllato per un periodo minimo di 14 giorni, garantendo così il rilascio lento dei principi attivi.

A dicembre quattro settimane per prendersi cura di sé

Come spiega il prof. Sergio Noviello, “Una volta preparata la pelle con il peeling, si possono combinare trattamenti specifici come una biorigenerazione, un protocollo schiarente per contrastare l’iperpigmentazione, un filler o un lipofilling”.

Anche interventi più impegnativi, come lifting o minilifting, blefaroplastica o mastoplastica additiva (uno tra i ritocchini più richiesti a Natale) devono essere calendarizzati all’inizio del mese, non tanto per i tempi di recupero che, grazie alla moderna tecnica operatoria BAT, sono ridotti di oltre il 70%, quanto per affrontare il cambiamento gradualmente.

 

Grazie alla BAT, possiamo ridurre non solo il dolore post operatorio e i tempi di recupero, ma anche eliminare il rischio di infezioni e di reintervento, assicurando risultati migliori anche esteticamente”.

Seconda settimana: botox!

“Stanchezza, freddo e stress possono causare un’accelerazione dei processi di invecchiamento cutaneo- spiega il prof Noviello– con un conseguente aspetto “appesantito” nelle ultime settimane dell’anno. Per rinfrescare il viso e dimenticarsi dell’accentuarsi delle rughe, il trattamento d’elezione è la tossina botulinica. Il botox, che si riconferma ad oggi il trattamento più effettuato al mondo, distende i tratti della fronte e dell’area perioculare regalandovi, entro due settimane dalla seduta, un aspetto ringiovanito e riposato”.

In caso di rughe poco profonde, si può scegliere un protocollo più light come Skin Relax, combinazione di Acido ialuronico a elevato peso molecolare con Oligopeptidi Biomimetici ad azione botulino simile (penta peptidi, Hexapeptidi, Heptapeptidi).

 Terza settimana: volto in primo piano!

Il Natale è ormai alle porte. Per ridare vitalità al volto la soluzione più smart sono i filler, che grazie all’effetto idratante e rivitalizzante dell’acido ialuronico colmano le rughe, anche quelle più profonde, mantengono una idratazione profonda, ridefiniscono i volumi e il contorno del viso e aiutano a bilanciare e armonizzare i tratti.

Come aggiunge il prof. Noviello: “La tecnica innovativa, chiamata Zero Dolore, consente di iniettare i filler senza dolore, appunto, ma soprattutto senza ecchimosi, con minimo gonfiore che si riassorbe nell’arco di qualche ora. È quindi possibile tornare subito alle normali attività quotidiane. I filler, inoltre, grazie ai diversi pesi molecolari e alle diverse caratteristiche, consentono di ripristinare volume, proiezione e turgore delle labbra, un trattamento oggi sempre più richiesto anche dalle pazienti più giovani”.

Quarta settimana: detox!

Prima del brindisi di Capodanno, resta ancora qualche giorno per un programma detox. Il prof. Sergio Noviello conclude suggerendo lo “Skin Detox, innovativa strategia che, attraverso un regime alimentare personalizzato, mantiene sana la pelle e ne previene l’invecchiamento. Il trattamento, a base aminoacidica, riduce la stimolazione insulinica e attiva la produzione dell’ormone GH (GrowthHormon), innescando i meccanismi di lipolisi. Inoltre, integra l’alimentazione con tutti i principi attivi necessari al benessere delle cellule cutanee quali proteine, minerali e oligoelementi (selenio, zinco, calcio e magnesio), vitamine C ed E, antiossidanti e stimolanti della produzione di collagene, carboidrati e lipidi come omega 3 ed omega 6”.