Proclamata dall’ONU il 20 maggio,  la ricorrenza è supportata da oltre 100 Paesi che condividono la lotta per la sopravvivenza della specie. Per proteggere un insetto fondamentale per il futuro e la vita

“Se un giorno le api dovessero scomparire,  all’uomo resterebbero solo quattro anni di vita” (Albert Einstein)

Il problema è serio. Pesticidi, acaricidi e nuovi parassiti costituiscono una minaccia severa nei confronti di questi straordinari insetti, un pericolo per la campagna e per l’agricoltura tutta. Quando pensiamo alle api, le mettiamo sempre in relazione alla loro produzione di miele ma, in realtà, queste “piccole operaie” sono fondamentali per l’impollinazione di moltissime specie. Secondo dati FAO (Organizzazione per l’alimentazione e l’agricoltura delle Nazioni Unite) la popolazione delle api e degli impollinatori si è ridotta di oltre il 30% e questo preoccupante andamento sta ad indicare che moltissime delle nostre varietà alimentari sono a rischio. Insomma sono molti i cibi che potremmo non trovare più sulle nostre tavole.

RIGONI DI ASIAGO, azienda leader nel settore della produzione alimentare biologica, è stata un pioniere nel comprendere l’importanza della coltivazione biologica. La sua produzione di miele viene da lontano da quando, nonna Elisa Rigoni, nel 1921, portò ad Asiago da Varese, dove era sfollata, 6 alveari, una sorta di “dono prezioso” per figli e nipoti (nella foto in basso una foto che risale all’epoca della fondazione dell’azienda). Il suo amore e, soprattutto, il suo rispetto per la natura e l’ambiente le avevano suggerito quello che gli uomini oggi stanno dimenticando, che le api non producono solo miele ma fanno rifiorire, anno dopo anno, fiori e frutti, producendo biodiversità ed equilibrio naturale. Oggi, gli eredi, hanno sposato il progetto di nonna Elisa con la stessa passione, non dimenticando mai che la terra e suoi doni sono importanti e vanno protetti. Questo suo modo di operare ha portato l’Azienda a scelte importanti, come l’adesione al progetto “Bee my Future” di LifeGate e alle sue arnie “in città”. Ma anche diventando promotrice di una campagna d’informazione di grande importanza “Cambia la Terra” , promossa da Federbio per sensibilizzare i produttori ad abbandonare l’uso di pesticidi e di fertilizzanti di sintesi sui campi. Ma non solo. “Cambia la Terra” è un canale di confronto sempre aperto per chi vuole  saperne sempre di più, per scuotere le convinzioni di cittadini che non vogliono più subire passivamente un sistema produttivo a scapito della loro salute. “Cambia la Terra”  di Federbio collabora e supporta il progetto Bee Save del WWF Italia a tutela della sopravvivenza delle Api.

Il 20 maggio dedichiamo un pensiero forte a questo nostro pianeta. E alle api. Soprattutto pensiamo alla profezia di Einstein, controversa ma quanto mai attuale: “Se un giorno le api dovessero scomparire,  all’uomo resterebbero solo quattro anni di vita”. E se il genio avesse ragione?